Alta Valle Isarco

Un paradiso per lo sport e la forchetta in tutte le stagioni, l’Alta Valle Isarco è un crocevia di culture che offre mille opportunità per le tue vacanze.

L’Alta Valle Isarco, situata a nord della Valle Isarco, è una zona in cui fascino mediterraneo e tradizione tirolese si uniscono, sullo sfondo di un paesaggio unico, fatto di verdeggianti vallate e maestose cime rivestite di neve.

Svariate le possibilità per andare alla scoperta di questa magnifica zona: chilometri di itinerari da intraprendere a piedi, in mountain-bike, a cavallo, immersi in una natura praticamente intatta. L’Alta Via del Tirolo e il Sentiero Europeo n.2 sono due percorsi trekking per chi ama le sfide in alta quota, ma anche chi pratica altri sport (nordic walking, parapendio, rafting) può trovare nell’Alta Valle Isarco un autentico paradiso per allenarsi. Moltissime anche le attività offerte per la gioia dei bambini e delle famiglie.

La cucina può essere considerata un vero vanto in Alta Valle Isarco: prelibatezze genuine riempiono le tavolate nei ristornati e il loro profumo si diffonde nell’aria durante i tanti eventi gastronomici organizzati, come la Settimana della buona cucina.

In piena stagione invernale i centri sciistici dell’Alta Valle Isarco regalano momenti ti divertimento e relax, mentre gli appassionati di sci di fondo ed escursionismo invernale trovano nelle valli di Ridanna, Fleres e Racines il luogo ideale per fare sport circondati da panorami innevati mozzafiato.

Alta Via di Fundres

L’Alta Via di Fundres è uno splendido itinerario che collega Vipiteno a Brunico. Prende il nome dal gruppo montuoso che l’attraversa e offre un’indimenticabile avventura tra paesaggi montani e solitari.

L’escursione inizia dalla località di Wiesen vicino Vipiteno. In sei giorni di camminata si attraversano valli profondamente incise, laghetti di montagna di rara bellezza e i selvaggi Monti di Fundres. Il punto d’arrivo è Falzes in Val Pusteria. Chi vuole percorrere l’Altavia di Fundres dev’essere un escursionista esperto, visto che l’itinerario è molto impegnativo sia dal punto di vista tecnico che atletico.

L’Altavia si snoda in alta quota tra i 2000 e i 3000mt, e la vetta più alta è il Picco Croce, che offre un panorama sorprendente sulle Dolomiti. Se amate paesaggi solitari, scoscese montagne rocciose, fianchi ripidi e malghe fiorite questo itinerario potrebbe essere l’ideale per voi!

1° giorno
Dalla stazione ferroviaria di Vipiteno si procede a piedi verso la località di Wiesen, dove inizia il nostro itinerario. A Wiesen inizia la salita, prima su strada, poi su sentiero, tra prati e boschi, finché non si raggiunge la Malga Pfitsch. Seguendo la salita sopra la malga si giunge al bivacco Giogo di Trens, che offre otto posti letto, oppure avanzando per un’altra ora e mezzo di cammino, dopo la traversata di Cima di Sengas, si giunge alla malga Simile Mahd. Se Invece si vuole fare una deviazione, invece di prendere il sentiero che scende per la malga si ha la possibilità di passare la cresta nord e raggiungere il rifugio Vipiteno.

2° giorno
Dalla malga Simile Mahd si sale alla forcella di Sengas, da dove è possibile ammirare il meraviglioso Lago Selvaggio circondato da cime ghiaiose e pascoli rozzi. Da qui si continua verso la cima del Picco della Croce, per poi raggiungere l’accogliente Rifugio Bressanone.

3° giorno

Dal Rifugio Bressanone il sentiero porta alle forcelle Steinkar. Da qui in mezz’ora si può raggiungere la Pfannenspitze. Si prosegue poi per la malga Weitenberg per raggiungere i 2348mt della forcella Keller e in seguito i 2473 della forcella Dannel. Il sentiero serpeggia su pendii nevosi e attraversa una splendida conca glaciale. Meta del giorno è il Bivacco Brenninger, un vecchio ovile ristrutturato dai volontari del CAI di Bressanone che offre posti letto per otto persone oltre che una stufa a legna, una bombola a gas e tutte le stoviglie necessarie.

4° giorno
Dal Bivacco Brenninger percorrendo un faticoso sentiero sulle rocce si raggiunge la forcella Geisscharte. Qui si imbocca una breve via ferrata (per circa 30 m.) In seguito si raggiunge il Rifugio Ponte di Ghiaccio. Questo splendido rifugio, piccolo ma accogliente; conserva ancora l’originale pavimento in legno.

5° giorno
Escursione dal Rifugio Ponte di Ghiaccio al Rifugio Lago della Pausa. È la tappa più interessante dal punto di vista naturalistico per la varietà di piante che si incontrano, ma allo stesso tempo anche la più monotona a causa del lungo, anzi lunghissimo sentiero in costa che non cambia mai (almeno 6 ore e ½ di percorrenza).

6° giorno
L’ultimo giorno l’itinerario si snoda tra la Val Selva dei Molini e la Val Pusteria, attorno alle Montagne di Fundres. Un sentiero in salita attraversa i prati de La Portella, mentre l’incantevole panorama sulle Alpi Aurine ci accompagna fino al Monte Sommo. Si prosegue in direzione est, e vediamo altre cime davanti a noi: la Hohe Spitze, la Cima Dodici, le Cime di Pozzo, il Lago Verde/Grünseespitze per arrivare finalmente al punto più alto, la Bärentalerspitze. Dal Lago Verde ci si incammina sul sentiero verso la meta finale Chienes, oppure verso Issingo. Scendendo dalla Bärentalerspitze invece si arriva a Geigeralm attraversando Platten e Falzes.

Golf Club Sterzing Vipiteno

Situato tra prati verdi, boschi e antichi castelli, il Golf Club Sterzing Vipiteno offre un ampio campo pratica e 7 buche executive per soddisfare anche il golfista più esigente.

Come arrivare: con direzione Passo Pennes si segue la strada fino all’uscita Golf Club Vipiteno-Ristorante Top Stop.
Altitudine: 950 mslm
Attrezzature: campo pratica di 250 m di lunghezza, 7 buche executive
Stagione: aprile-novembre
Giorno di chiusura: venerdì dalle ore 15 per il “Torneo del Venerdì”

Il Golf Club Sterzing Vipiteno si trova in Alta Valle Isarco inserito nello splendido paesaggio di praterie, boschi e castelli medioevali del bacino di Vipiteno. Gli appassionati di golf avranno a disposizione un campo pratica di oltre 250 m di lunghezza con postazioni scoperte e al coperto e 7 buche executive dove potersi allenare e migliorare la propria tecnica di gioco. Alla Scuola di Golf del Club Sterzing Vipiteno i principianti potranno imparare tutti segreti della disciplina grazie alle lezioni e all’assistenza da parte di istruttori professionisti. Ogni venerdì a partire dalle ore 15.00 si tengono i tornei di golf sui campi da gioco della struttura.

Maggiori informazioni:
Golf Club Vipiteno
Piazza Città 3
39049 Vipiteno
Tel. +39 333 815 43 50
Fax +39 0472 670320
info@golf.bz.it

Centro Nordic Walking di Luson

Il Centro dell’Alpe di Luson propone agli appassionati di Nordic Walking 6 percorsi, per unire il divertimento all’amore per la natura. Scopri nel dettaglio tutti gli itinerari!

In Valle Isarco, nei dintorni di Bressanone, si trova l’Alpe di Luson che da sempre è la meta preferita dagli sportivi e, in particolare, da chi pratica Nordic Walking. Nello splendido paesaggio della Valle di Luson, tra le colline, i boschi e le alte vette dolomitiche, si sviluppano 6 percorsi di Nordic Walking che presentano lunghezza, dislivello e difficoltà diverse. Ogni sentiero di Nordic Walking è dotato di segnaletica illustrativa e conduce alla scoperta dei luoghi più suggestivi di Luson (biotopi, chiesette, masi, rifugi) e della Valle Isarco, facendo gustare fino in fondo il connubio tra sport e natura, salute e amore per le Dolomiti.

I 6 itinerari del Centro Nordic Walking di Luson:
1) Sentiero Via Crucis – lunghezza: 5,8 km; tempo: 2 h; dislivello: 136 m; difficoltà: facile; percorso: Hotel Rosental > stazioni Via Crucis > laghetto da pesca > campo giochi >zona sportiva > parrocchia S.Nicolò > centro paese
2)Sentiero storico-culturale - lunghezza: 2,5 km; tempo: 1 h ; dislivello: 80 m; difficoltà: facile; percorso: Piazzale >laghetto bagnanti >Bar Luson >maso Mairhof >itinerario naturalistico >molino Strickermühle > segheria > paese
3) Sentiero panoramico - lunghezza: 4,4 km; tempo: 1h e 30 min; dislivello: 170 m; difficoltà: medio; percorso: Hotel Rosental >Via Crucis >rio Putzerbach >Hotel Lüsnerhof > Zalner Leiten > maso Gedrarz > laghetto bagnanti > rio Gfasebach > paese
4) Sentiero di Flitt - lunghezza: 6,5 km; tempo: 2 h; dislivello: 366 m; difficoltà: difficile; percorso: Hotel Lüsnerhof > Flitt > maso Wurzer > partenza pista slittini >maso Örtl > ponte/Bar Verena >Hotel Lüsnerhof
5) Sentiero sul monte: lunghezza: 8,9 km; tempo: 3 h; dislivello: 300 m; difficoltà: medio; percorso: Herol opp.Albergo Tulper > maso Gschlorer > Ronerhütte > cappelletta Pianer Kreuz > Rastnerhütte oppure Strakenfeldhütte > biotopo alpestre > parcheggio
6) Sentiero Kreuzwiese - lunghezza: 6 km; tempo: 2 h; dislivello: 179 m; difficoltà: medio; percorso: parcheggio Schweiger Böden >zona alpestre > strada di servizio > Rifugio Kreuzwiese > sentiero Schmalzhaussteig > parcheggio

Natur Aktiv Park sull'altopiano delle mele

Sul soleggiato pianoro di Naz-Sciaves, sopra la Valle Isarco, gli appassionati di Nordic Walking possono sbizzarrirsi lungo 80 km di itinerari tra distese di meleti e di fiori.

Chi è alla ricerca di un luogo tranquillo e suggestivo per praticare Nordic Walking nei pressi della Valle Isarco, trova sull’altopiano delle mele il Natur Aktiv Park dedicato all’attività all’aria aperta, non solo Nordic Walking ma anche jogging e mountain bike. L’altopiano delle mele, che ospita i paesi di Naz, Sciaves, Rasa, Fiumes e Aica, è situato a 850 m di quota e dista circa 10 km da Bressanone. Si tratta di un vasto pianoro soleggiato sopra la Valle Isarco, caratterizzato da un piacevole clima mite, attraverso il quale si snodano 80 km di itinerari tra splendidi meleti, prati in fiore e pinete.

I 14 percorsi del Natur Aktiv Park sono stati creati con l’intento di accontentare le esigenze di principianti ed esperti del Nordic Walking. Il breve percorso “Mesnerbühel”, ad esempio, che da Rasa raggiunge la collina boscosa di “Mesnerbühel”, è adatta ai meno esperti, mentre il percorso “Mosswald-Via Romana”, che si estende per 5,6 km attorno al bosco “Mooswald” tra Rasa e Elvas, è rivolto soprattutto ai più allenati. Il “Giro Stiefler”, infine, che si sviluppa attorno alla collina “Stegerbühel” è uno degli itinerari di media difficoltà. Lungo i percorsi del Natur Aktiv Park in Valle Isarco, inoltre, si trovano alcuni punti di rilassamento, con lettini relax, e di movimento.

Attualmente non abbiamo trovato alcun evento da proporti, torna a trovarci

Castel Tasso

Su una rocca che si erge nei pressi di Vipiteno, precisamente a Campo Trens, si trova il fiabesco Castel Tasso. È uno dei manieri storicamente più importanti dell’Alto Adige, ancora oggi ben conservato con all’interno moltissimi oggetti e mobili dei tempi passati.

È possibile ammirare il castello anche internamente, e la visita è consentita in ben dieci stanze, molte delle quali mantengono buona parte dell’originale arredamento tardo –gotico. La cucina duecentesca è in uno straordinario stato di conservazione; meravigliosa è anche la vecchia torre, ancora intatta, con il dormitorio per gli scudieri, e in ottime condizioni è la preziosa Sala Verde, chiamata così per il colore della decorazione pittorica. Nei pressi del castello c’è anche una piccola cappella dedicata a San Zeno, presso la quale sono state ritrovate bare di legno del IV e VIII secolo.

La romantica fortezza medievale è cinta da un’alta muraglia merlata e circondata da un profondo fossato che ancora oggi è sormontato da uno storico ponte. Il castello è accessibile tramite un incantevole sentiero tra le rocce.

Orari d’apertura:

aperto dal 5 aprile 2012 al 4 novembre 2012
sabato giorno di riposo
sabato aperti: 11 e 18 agosto, 3 novembre
visite guidate ogni giorno alle ore 10.30, 14 e 15
dal 15 luglio al 15 settembre anche alle ore 16
visite guidate per gruppi a partire da 4 persone

Castel Wolfsthurn

Il Castel Wolfsthurn è uno splendido castello barocco che spicca dalla collina che sovrasta Mareta, all’inizio della Val Ridanna in Tirolo. Questo magnifico palazzo è aperto al pubblico ed in diverse sale ospita dal 1996 il Museo provinciale della Caccia e della Pesca.

In perfetto stile barocco, Castel Wolfsthurn è stato costruito tenendo conto dei giorni dell’anno: si caratterizza infatti per 365 finestre, 52 porte, 12 torri e 4 portoni. Il suo interno rispecchia la vita nobile di un tempo: sale sfarzose, mobili, dipinti e tappezzeria originali.

Castel Wolfsthurn è stato suddiviso in tre sezioni: il primo piano è dedicato alla caccia e alla pesca; al secondo piano si trovano le sontuose sale che raccontano la storia del palazzo, con gli arredi ancora intatti e nel piano interrato i più piccoli possono scoprire in maniera ludica l’affascinante mondo animale.

E’ possibile raggiungere il castello anche tramite un semplice e ben agibile sentiero che si snoda per circa 1 km dal paese di Mareta. Il tracciato è dedicato al bosco e all’acqua e lungo il percorso si costeggia una piccola riserva di daini.

Orari d’apertura:

1 Aprile - 15 Novembre, martedì - sabato ore 10.00-17.00, giorni festivi ore 13.00-17.00, ultimo ingresso ore 16.30.
Giorno di riposo: lunedì.

Informazioni:

Museo Provinciale della caccia e della pesca Castel Wolfsthurn
Kirchdorf 25 - I-39040 Mareta
Tel. +39 0472 758121 - Fax +39 0472 758121

X Questo sito utilizza Cookies propri e di terzi per offrirti la migliore esperienza di navigazione, secondo le tue preferenze. Se continui la navigazione o chiudi questo banner, accetti implicitamente il loro utilizzo. Per maggiori informazioni Privacy e Cookie Policy